Fondazione e Storia

Scopi e Motivazioni

Modalità di Ammissione

Motto, Titoli e Blasoni

Quello che segue è il codice Jedi:

«Non c'è emozione; c'è pace.Non c'è ignoranza; c'è conoscenza.
Non c'è inquietudine; c'è serenità.'Non c'è caos; c'è armonia.'Non c'è morte; c'è la Forza.»


Esiste un altro codice, seguito dai Sith:

«La pace è una menzogna, esiste solo la passione.
Attraverso le passioni ottengo potenza.
Attraverso la potenza ottengo potere.
Attraverso il potere ottengo la vittoria.
Attraverso la vittoria le mie catene saranno spezzate.
La Forza mi renderà libero!»


Infine, esiste una sorta di mantra, che i Jedi usano recitare mentre costruiscono la propria spada:

«Il cristallo è il cuore della lama...

... il cuore è il cristallo del Jedi...
... il Jedi è il cristallo della Forza....
... la Forza è la lama del cuore...
... tutti sono interconnessi...
... il cristallo, la lama, il jedi...
... Io sono Uno.»

Diritti e Doveri dei Membri

E` dovere fondamentale di ogni Jedi quello di proteggere e aiutare un altro Jedi, come se si trattasse del proprio fratello.

Inoltre i Jedi sono custodi dell'Equilibrio e della Pace: questo in breve significa che è dovere di un Jedi mostrare l'esempio. Un Jedi che violasse il regolamento di Lumen et Umbra non commetterebbe soltanto un illecito su LeU, ma un grave torto verso gli altri membri dell'ordine dei Jedi. E` dovere di un Jedi che venisse a conoscenza di un tale fatto rendere nota la violazione agli immortali di Asgaard.

Struttura Gerarchica

A capo dell'ordine dei cavalieri Jedi è posto un Consiglio, formato da Maestri Jedi, uno dei quali, primo fra pari, è il Gran Maestro dell'intero ordine.

Al di sotto del titolo di Maestro, ma con gli stessi diritti di voto in sede di Consiglio, laddove esso venga indetto, sono i Cavalieri Jedi e i Jedi.

Al di sotto di tali titoli, ancora probandi per l'ammissione definitiva nella Gilda, sono i Padawan.

Esiste infine un titolo ufficioso di Aspirante ovvero di Apprendista, per gli applicanti che fanno domanda, presso i Maestri per entrare a far parte dell'ordine dei Jedi. In sede di Consiglio non esiste distinzione fra i voti di Jedi, Cavalieri Jedi, Maestri Jedi e Gran Maaestro Jedi.

Al di fuori del Consiglio, Maestri Jedi e Gran Maaestro Jedi possono consultarsi fra loro per determinate decisioni, che ritengano non necessitino dell'intervento del Consiglio.

Immortale Protettore

L'immortale protettore dei cavalieri Jedi è il sommo Hansolo. Veglia sempre sulla gilda e può intervenire, qualora lo desideri, a qualunque livello.

Gran Maestro Jedi

E` incaricato, insieme con i Maestri, di organizzare le attività della gilda, i rapporti con le altre gilde e di vigilare sul comportamento dei membri. E` l'unico a poter materialmente modificare la composizione della gilda. Può convocare un Consiglio Plenario, aperto a tutti i membri qualora lo ritenga necessario, oppure di convocare un Consiglio dei Maestri, con cui dirimere le questioni di più rapida soluzione.

Maestri Jedi

Il loro numero è variabile, a seconda dell'attività del clan, meno membri sono attivi, meno Maestri sono nominati. Si occupano, col Gran Maestro, di organizzare le attività della gilda, i rapporti con le altre gilde, di vigilare sul comportamento dei membri e di valutare le domande degli Aspiranti. Con il Gran Maestro, sono i soli a poter convocare un Consiglio Plenario.

Cavalieri Jedi

Hanno dovere di rispettare il codice Jedi e (ovviamente) le regole di Lumen et Umbra. La distinzione con i Jedi è semplicemente temporale: si tratta dei membri dell'ordine di vecchia data. Possono portare all'attenzione dei Maestri eventuali Aspiranti e, in caso di Consiglio Plenario, hanno eguale diritto al voto.

Jedi

Hanno dovere di rispettare il codice Jedi e (ovviamente) le regole di Lumen et Umbra. La distinzione con i Cavalieri Jedi è semplicemente temporale: si tratta dei membri più recenti dell'ordine. Possono portare all'attenzione dei Maestri eventuali Aspiranti e, in caso di Consiglio Plenario, hanno eguale diritto al voto.

Padawan Jedi

Hanno dovere di rispettare il codice Jedi e (ovviamente) le regole di Lumen et Umbra. Sono i probandi dell'ordine, accolti in via temporanea e di osservazione. Il periodo per il quale un Padawan resta tale è variabile e, durante la sua durata, può venir richiesto ai Padawan di intraprendere una o più missioni.

Aspiranti e Apprendisti

E` un titolo ufficioso e informale, conferito a chi faccia domanda per entrare nell'ordine dei Jedi.

Modalità di successione

Curiosità

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.