FANDOM


Il regolamento interno di una gilda viene definito dai membri creatori e/o dal capogilda al momento della fondazione.

Può essere più o meno semplice e più o meno dettagliato, ma ha comunque alcuni vincoli imprescindibili ed essenziali: prima di tutto, perché sia ritenuto ammissibile, il regolamento interno non può contemplare in alcuna sua parte la violazione delle regole (nessun furto di cadaveri, monete o equipaggiamento, sfruttamento di bug, pkill indiscriminato senza consenso, danneggiamento dei personaggi e dei gruppi eccetera).

Altro vincolo essenziale è il rispetto della libertà altrui: nessun personaggio deve essere costretto a far parte di una gilda e a nessuno deve essere vietato lasciare una gilda.

Le questioni riguardanti il mancato rispetto di un regolamento interno riguarderanno soltanto le gilde, quindi è inutile rivolgersi agli immortali: nessun immortale può punire un giocatore per una violazione del regolamento interno di una gilda cui appartiene.

Il regolamento interno di una gilda deve, tassativamente, contenere almeno i seguenti punti:

  • Scopi e motivazioni della gilda (collaborazione con la gestione, powerplay, esplorazione, rpg, pkill eccetera)
  • Modalità di ammissione (livelli minimi, quest d'ingresso, periodi di prova e quant'altro)
  • Struttura gerarchica (presenza di vicecapi, organizzazione "militare", ordine monastico, democrazia...)
  • Doveri e diritti dei membri (diritti al voto in caso di concilii, equipaggiamento "in comune", aiuti più o meno specifici e via così)
  • Eventuali metodi per la successione o la sostituzione di alcuni membri nella gerarchia o eccezioni a questi (come indicato nella sezione apposita)

E` sempre consigliato affiancare alla figura del capogilda quella di un vice, o di un gruppo di membri che fungano da consiglio, per gestire meglio la gilda e le relazioni con l'esterno, ma non è obbligatorio farlo.

Modifiche al regolamento, successive alla fondazione, sono possibili solo se, sottoposte dal capogilda all'attenzione di Asgaard, queste vengano approvate.